E.R. Mugello in prima linea, il punto sulla lista infortunati

Per i più giovani: https://it.wikipedia.org/wiki/E.R._-_Medici_in_prima_linea.

Oggi facciamo il punto sugli infortunati lungodegenti della seniores maschile.

Perchè? Per due motivi: il primo è che in questo periodo ancora festivo non si hanno molte notizie, il secondo è che si dovrà pur giustificare la classica frase della domenica “abbiamo l’infermeria piena”. Non che si stia male nell’infermeria del Romolo Landi, curata e pulita dal nostro Vito, con un comodo lettino e vicino al locale caldaia che fornisce un piacevole tepore.

Belli: capitan mugello risulta nell’elenco degli infortunati fin dal girone di ritorno della scorsa stagione per problema ai legamenti del ginocchio, rotti non si sa bene quando, i ragazzo ci ha fatto sopra qualche partita prima di cedere all’evidenza. A inizio stagione la situazione sembra in miglioramento grazie alla fisioterapia, ma un eccessivo sforzo in ufficio nel sollevare un file excel un po’ troppo carico di numeri e cifre ha causato una ricaduta che ancora oggi lo relega al ruolo di accompagnatore/guardalinee, una simpatica forma di sadismo per i giocatori infortunati perchè vivono e sentono il campo senza potersi sfogare nel gioco arrivando così a fine giornata tesi e nervosi come non mai.

Monaci: il naturale sostituto di Demetri – ritiratosi per raggiunti limiti di età, sempre in auge la foto delle scarpe appese al chiodo – si è fermato ai box dopo la preparazione estiva per un problema alla schiena, forse causato dagli anni di mischie in prima linea che nonostante la mancanza di collo del soggetto qualche problemino lo possono aver creato. Il recupero è in corso dal mese di settembre, il ragazzo non è stato certo con le mani in mano, diventando secondo allenatore dell’under 14, ma dalle tabelle in possesso dei tecnici mugellani risulta che rientrerà agli allenamenti martedì…. si, martedì, l’importante è che sia un martedì.

Vannini: parliamo del D. che sta per Davide, che ha generosamente donato un malleolo ai Medicei di Firenze che ora lo custodiscono generosamente allo Stadio Padovani. La poderosa ala ha ripreso proprio in questi giorni gli allenamenti, con un visto ma elegante tutore alla caviglia e con la voglia di voler rientrare prima del termine della stagione. Sarà forse uno dei primi fruitori delle nuove convenzioni stipulate dal Rugby Mugello? Chissà, di sicuro c’è che è solo che felice di essere passato indenne dalla classica gestione sanitaria italiana delle fratture ( facciamola risaldare, ci vediamo tra un mese e se non va bene ti operiamo…. bene, non benissimo ).

Ulivi: ve lo ricordate? Cliccate qui se avete un vuoto di memoria. Gli abbiamo trovato due reni nuovi di pacca, con pochi km alle spalle e ancora in garanzia, ma non essendo sicuri del pedigree il Principe ha deciso di tenersi i suoi, forgiati da generazioni di geni reali. Adesso tutto è pronto per il gran ritorno, fanfare, tappeti rossi, argenterie lucidate, tutto ma proprio tutto, il Rugby Mugello aspetta a braccia aperte il suo banditore preferito ( i presenti alla Cena di Natale sanno di cosa si parla, gli altri possono chiedere alla prima partita utile ), anche se lui non si ricorda molto di quanto successo in quelle vesti.

Tizzanelli: menzione speciale per il nostro Cometa, compagno di imprese spaziali di Galassia e che ancora non è riuscito a esprime tutto il suo potenziale fermato da una serie troppo lunga di infortuni, l’ultimo dei quali ha a che fare con del sushi ma che sembra ormai risolto e anche per lui il ritorno in campo si avvicina.

#rugbynelmugello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: